Homepage » Blog » Klaus: il vero dono è la capacità di donare | Il film del mese

Klaus: il vero dono è la capacità di donare | Il film del mese

In un gelido e isolato villaggio del nord, un postino e un falegname danno inconsapevolmente il via a un circolo virtuoso di generosità che riesce a trasformare l'intera cittadina. Un originalissimo film natalizio che ci insegna il vero significato dello scambio dei doni

Non è per niente facile essere ancora originali riguardo al Natale, ricorrenza importantissima e delicata. Ma Klaus è un riuscitissimo film d’animazione a tema natalizio dalle straordinarie doti tecniche. La versione italiana vanta una buona prova di doppiaggio del cantante Marco Mengoni (nei panni di Jesper), affiancato dall’inconfondibile Francesco Pannofino (Klaus) e da Ambra Angiolini (la maestra Alva). Il film è prodotto da Netflix e diretto dallo spagnolo Sergio Pablos, già co-autore di Cattivissimo me ma anche animatore e character design di molti classici Disney.

L’apparato visivo strabiliante in stile vintage colpisce grandi e piccini; e dopo averlo visto si possono fare dei profondi ragionamenti sul senso del dono. Il reale dono conferito agli uomini è proprio la capacità di donare e donarsi agli altri.

Klaus dà speranza in un futuro più luminoso, e lo fa conferendo un’enorme importanza all’universo dei bambini, alla loro purezza e al loro costante bisogno d’amore, che noi adulti ci dimentichiamo spesso di donare. Confondiamo regali inutili e immotivati per gesti d’amore. Ma educare non significa dispensare doni, giochi e dolcetti ai propri figli per farli stare buoni. C’è un bisogno totale di educare alla generosità: questo è l’autentico dono.

Del resto, è proprio da un gesto di generosità che in Klaus si attiva un circolo virtuoso potentissimo che permette ai bambini di condizionare gli adulti, di aprire i loro occhi e i loro cuori, e grazie al quale si rinnova la voglia di essere curiosi, di apprendere a scrivere non tanto per richiedere regali quanto per l’innato desiderio di esprimersi come esseri umani.

Sono tante le occasioni di divertimento in Klaus, e altrettante sono le scene commuoventi da godersi durante il periodo natalizio. Poiché non manca mai quel momento in cui, in famiglia o con gli amici, ci si mette davanti alla tv per godersi un bel film di Natale.

 

di Matteo Malaisi
esperto cinematografico

Articoli correlati

The Holdovers: il Natale più strano di sempre

L’Orchestra del mare “sbarca” alla Scala di Milano

Il Nüshu, la scrittura delle donne per le donne