Homepage » Blog » Attivando tutti i sensi

Attivando tutti i sensi

Tra balletto, prosa, musica, teatro civile, teatro antico e nuove produzioni, la nostra nuova stagione teatrale è un viaggio da fare insieme attivando tutti i sensi, ricercando tutti i sensi

La nuova Stagione Pime presenta 16 spettacoli che proseguono quel percorso di rinnovamento culturale che abbiamo intrapreso come Centro Pime ormai da alcuni anni.
Il costante aumento di pubblico delle ultime edizioni sembra confermarci su questa strada: teatro civile, storie di vita ma anche jazz, opera lirica, spazio a giovani talenti artistici insieme a quelli di comprovata fama per indagare la complessità del nostro tempo attraverso la testimonianza di timonieri. Donne e uomini in grado di traghettarci verso un auspicabile mondo migliore.

Così apriamo il 14 ottobre con Luigi d’Elia che porta in scena, nel centenario dalla nascita, Don Milani, Barbiana e l’attualità del suo I Care.

Scopriremo anche la vita e la poesia di Antonia Pozzi con Elisabetta Vergani, la storia di Anna Frank che, in una stanza immaginaria ideata da Polveri di Scena, incontra un ragazzino migrante dei nostri giorni di nome Amin.
E mentre faremo un viaggio nella vita quotidiana di San Francesco, declinato al presente da Riccardo Tordoni, ripercorriamo con Filippo Tampieri anche l’epopea di padre Luigi Pinos che ha trascorso 52 anni della sua vita come missionario in Bangladesh.
Alla Settimana della Legalità abbiamo riservato due titoli: Antimafia tra cuore e sentimento di e con Nando Dalla Chiesa in occasione dell’anniversario della strage di Capaci, e Stoc ddo’ – Io sto qua il monologo dedicato da Meridiani Perduti Teatro a Lella, mamma di Michele Fazio, ragazzo ucciso per errore durante un regolamento di conti tra clan rivali, a Bari.

Natale lo celebriamo con la Scuola di Musica Cluster e i suoi cori, diretti da Piero Basilico, per un grande concerto Gospel, in doppia replica, diventato ormai una tradizione del Teatro Pime.
Pasqua è affidata al testo di Éric-Emmanuel Schmitt (Il Vangelo secondo Pilato) con l’interpretazione di Christian Poggioni.

 
 
 
 

A livello musicale prosegue la collaborazione con Opera Breve di Altea Pivetta che porterà in scena le riduzioni di due opere liriche di grande successo: la Madama Butterfly di Puccini e Il Barbiere di Siviglia di Rossini.

Novità di quest’anno la presenza della giovane “The Millennials’ Orchestra” diretta da Lorenzo Baldasso che si propone di recuperare con le formazioni storiche e gli arrangiamenti originali, la musica del periodo d’oro del jazz. Quattro appuntamenti ci presentano la Swing EraFrank SinatraBenny Goodman fino ad omaggiare il mitico Louis Armstrong.

Sempre nell’ottica di dare spazio a giovani talenti artistici La Mangrovia presenta un musical inedito dal titolo Mind the Gap, un viaggio nell’animo umano e nella nostra società, tra luci, ombre e storie di vita, il cui ricavato andrà a sostenere i missionari del Pime.

 
 
 
 

Questa la Stagione… ma il cartellone non si chiude qui.

Tre matinée riservate alle scuole, quattro produzioni di teatro emergente selezionate da Polveri di Scena a partire da gennaio 2024, la collaborazione con Kerkis – Teatro Antico in Scena che sotto la direzione di Elisabetta Matelli ci presenta tutto il fascino delle tragedie e commedie greche e tre appuntamenti di danza a cura del Balletto di Milano.

Un viaggio da fare e vivere insieme,
attivando tutti i sensi,
ricercando tutti i sensi,
partecipando in tutti i sensi.

 

Andrea Zaniboni
Direttore artistico Teatro Pime

Articoli correlati

The Holdovers: il Natale più strano di sempre

L’Orchestra del mare “sbarca” alla Scala di Milano

Il Nüshu, la scrittura delle donne per le donne