Homepage » Blog » Nelle favelas di San Paolo, per imparare a volare

Nelle favelas di San Paolo, per imparare a volare

Cosa sono le favelas? Chi ci vive? Perché?
Simbolo delle disuguaglianze e della diversa distribuzione della ricchezza, sinonimo di povertà e degrado, le favelas per Chiara e Andrea sono prima di tutto un luogo di incontro e di relazioni. Un volano di amicizie e di esperienze uniche. Questa giovane famiglia, dopo un percorso di due anni con l’Associazione Laici Pime (Alp, laici che desiderano dedicare qualche anno della loro vita al servizio della missione, ispirandosi al carisma del Pime) decide infatti di partire per tre anni in missione. Destinazione Brasile, proprio tra i ragazzi della periferia di San Paolo.
“La nostra partenza, la nostra missione, sono un’occasione di dare testimonianza – affermano. Ciascuno di noi infatti è chiamato, in questo momento di attesa e preparazione, a rinnovarsi nell’impegno della testimonianza. In un periodo storico in cui si preferisce il nascondimento, in cui è meglio “farsi i fatti propri”, siamo ancora chiamati a testimoniare con la nostra vita, più che con le parole.” Al loro ritorno decidono di raccogliere la loro esperienza in un libro, edito da EMI, dal titolo evocativo “Come aquiloni sulle favelas: diario di una missione formato famiglia in Brasile”.
“Un aquilone in favela è ancora più bello – scrivono – perché ha qualcosa di poetico. Vola alto, cerca di sfuggire a quello che c’è là sotto. È il filo con cui i più piccoli sognano e i più grandi tornano bambini e si dimenticano dei problemi. Tutti cercano in cielo lo spazio che gli manca sulla terra. È l’immagine di quel tentativo di fuga, di evasione, che resta nell’aria per qualche minuto e poi, purtroppo, quando il vento cessa, svanisce. Oppure cade perché i fili si aggrovigliano, come le vite di chi prova a governarli. Gli aquiloni sulle favelas di San Paolo sono l’immagine della vita. Anche noi, appesi a questi fili, in questa quarantena lunga e difficile, ci lasciamo trasportare un po’ in alto, un po’ oltre. E sogniamo.”

In questa puntata abbiamo raccolto la loro esperienza e la loro storia, che ci ricorda come la missione non sia nostra, che possiamo fare solo piccoli passi, che siamo sempre ospiti dell’altro e che, nonostante la fatica, è affascinante scendere in campo e giocare insieme agli altri la partita della vita.
Acquista il libro di Chiara e Andrea: https://www.emi.it/prodotto/come-aqui…
Leggi la loro storia su Mondo e Missione:
https://www.mondoemissione.it/america…
Segui il loro progetto sui social:
  / nosvamos.alp  

Articoli correlati

Parabole bengalesi

Pierfrancesco Corti: sempre con il Bangladesh nel cuore

Viaggio in Bangladesh

La vita è più forte