Homepage » Blog » Accoglienza fa rima con emergenza?

Accoglienza fa rima con emergenza?

Oggi l’accoglienza viene schiacciata sul tema degli sbarchi, dell’emergenza, della guerra in Ucraina, della protezione civile, degli stranieri. In questa puntata Andrea Zaniboni, insieme ad Ilaria Mantegazza e Isabella Mastroleo, cerca di affrontare il tema da una prospettiva diversa.

Ripercorrendo i miti dell’antica Grecia, alcuni passi biblici, testimonianze contemporanee di migranti in viaggio, testi di spiritualità, esperienze artistiche e missionarie si delinea un percorso a tappe per diventare accoglienti.

Lasciare la propria zona di confort, rimanere aperti alla relazione, ospiti e non padroni della vita, umanizzando la nostra umanità e compromettendoci con gli altri.

Compagni in questo viaggio i missionari del Pime in Thailandia ma anche Giorgio Gaber, Ermanno Olmi, Enzo Bianchi…

C’è spazio anche per una domanda aperta: stiamo forse esagerando con questo tema dell’accoglienza?
C’è il rischio che diventi una nuova ideologia?

Rimaniamo in attesa anche del vostro parere e del vostro contributo!
Sostieni il Centro S. Jospeh di Prae: https://centropime.org/progetti/m002-…
Scopri la campagna Sale della Terra:
https://saledellaterra.centropime.org/
Guarda il monologo di Giorgio Gaber “La paura”:
   • Gaber, la paura  

Articoli correlati

Parabole bengalesi

Pierfrancesco Corti: sempre con il Bangladesh nel cuore

Viaggio in Bangladesh

La vita è più forte