Homepage » Un pozzo per Ankarako, Ciad

Un pozzo per Ankarako, Ciad

U

K852

Ciad
Fratel Mussi
€2.030

90

donne delle Cooperative

1.400

persone

Progetto

Ankarako è un piccolo villaggio situato a sud del Ciad. A causa di condizioni climatiche difficili e di problemi strutturali come siccità e scarsa presenza di acqua potabile, l’agricoltura, principale attività economica della zona, ha un rendimento molto basso e questo impedisce lo sviluppo della comunità.

Per rispondere a questo problema, nel 2020 sono state create le Cooperative di donne: organizzazioni di giovani che lavorano per garantire il benessere familiare e l’empowerment delle donne. Ogni gruppo è composto da circa 30 donne e ha una vocazione agricola, coltivando verdure ad alta qualità nutritiva. Tuttavia, i periodi in cui la produzione di questi ortaggi è maggiore corrisponde anche a quello in cui si fatica maggiormente a trovare la quantità di acqua necessaria per irrigare i campi.

Il progetto prevede la costruzione di un pozzo da utilizzarsi per l’irrigazione dei campi e per il consumo domestico. Il pozzo contribuirà inoltre a fornire acqua a tutto il villaggio, abitato da circa 1.400 persone

Swiper released under MIT license, Copyright (c) 2019 Vladimir Kharlampidi

Obiettivi

Garantire acqua potabile sufficiente per l'irrigazione dei campi e per uso domestico
Favorire la corretta alimentazione delle famiglie del villaggio
Country image

Ciad

Il Ciad è uno Stato dell’Africa centrale; la capitale N’Djamena è il solo grande centro urbano del Paese. Sono presenti tre diversi climi: desertico a nord, semi-arido nella zona centro-meridionale e tropicale a sud.

La composizione etnica è estremamente variegata: si contano oltre duecento gruppi etnici differenti. Un quarto della popolazione è costituita dai Sara (26%), mentre gli Arabi (12,5%) rappresentano la seconda etnia più numerosa. L’islam (55%) è la religione più praticata, seguono cattolicesimo (22%) e protestantesimo (18%). Le missioni del Pime sono situate a sud ovest del Paese.

Responsabile progetto

Fratel Mussi
Missionario del Pime
Fratel Fabio Mussi è nato a Lissone (MB) nel 1948. La sua missione in Africa è iniziata nel 1975, quando è giunto in Costa d'Avorio e vi è rimasto per 10 anni. Dopo essere tornato in Italia per qualche anno, è partito alla volta del Camerun. A partire dal 2021 si trova in missione in Ciad.

ALtri progetti

Assistenza sociale e animazione missionaria a Ibiporã

K851

Brasile

PADRE BRAMBILLA

Formazione umana e spirituale nelle isole Bijagos

K849

Guinea Bissau

PADRE KHU DU

Alerta Guinè. Programmi di formazione e sensibilizzazione con Radio Sol Mansi

K847

Guinea Bissau

PADRE SCIOCCO

Aiuto alimentare a 1.000 bambini e persone in difficoltà

K845

Camerun

Gianluigi Santambrogio