Homepage » Accoglienza ai nonni di Port au Prince

Accoglienza ai nonni di Port au Prince

U

K825

Haiti
Maurizio Barcaro
€26.470

30

anziani accolti e assistiti

Progetto

La situazione nel paese è da molti anni ormai drammatica: dittature, colpi di stato, violenza. Nel 2021 l’assassinio del presidente e il violento terremoto del che ha colpito l’isola, hanno messo l’economia del Paese in ginocchio.

La missione di Port au Prince offre servizi sia ai giovani sia agli anziani. Vi è infatti una piccola scuola e un centro anziani (composto da 10 casette) dove vengono accolte e aiutate le persone anziane in condizioni di fragilità, che altrimenti vivrebbero sole e senza alcun sostegno.

La “Maison des vieillards”, la casa anziani di Port au Prince, nasce nel 2000; inizialmente con solo 21 posti letto e pochissimi servizi e attrezzature. Oggi il Centro accoglie 30 anziani, ma negli anni ne ha ospitati centinaia, garantendo loro una vita dignitosa, in compagnia e semplicità. Con il passare del tempo la struttura e le diverse attrezzature hanno subito danni e usura e necessitano ora di intervento: nuovi letti, materassi e tavoli;  un nuovo tetto per il refettorio; un generatore per fornire elettricità alle casette degli anziani.

Swiper released under MIT license, Copyright (c) 2019 Vladimir Kharlampidi

Obiettivi

Migliorare le condizioni di vita degli anziani accolti dalla missione
Garantire dei servizi dignitosi agli anziani
Country image

Haiti

Colonia francese nel Mar dei Caraibi dal 17° secolo, conquista l’indipendenza nel 1804 con il nome di Repubblica di Haiti. Si sono succeduti poi tumulti politici e violenti che hanno intervallato i brevi governi fino ad oggi: nel luglio 2021 il Presidente è stato assassinato ed è stato dichiarato lo stato d’assedio.

Haiti conta circa 10 milioni di abitanti, dediti ad agricoltura e pesca artigianale. Le lingue ufficiali sono il francese e il creolo haitiano; il cattolicesimo è la religione di Stato. Analfabetismo e disoccupazione superano il tasso del 50%. Haiti è il Paese più povero di tutto il continente americano. La sua economia è stata resa ancor più dipendente dall’estero dai devastanti effetti di uragani e dei terremoti del 2010, 2015 e 2021.

Responsabile progetto

Maurizio Barcaro
Collaboratore laico del Pime
Maurizio Barcaro è un volontario laico e collaboratore del Pime nato a Milano. A 25 anni decide di unirsi ai Fratelli Missionari della Carità per portare il suo aiuto in vari Paesi del mondo: Italia, Francia, Inghilterra, Guatemala, Perù, Messico, Colombia e per gli ultimi sette anni ad Haiti. Nel maggio della 2000 lascia la Congregazione ed inizia ad operare da solo. Ad Haiti riesce a costruire una casa per anziani chiamata “Lakay Mwen” (casa mia), che incontra le immediate esigenze di anziani abbandonati con disabilità.

ALtri progetti

Acqua potabile per le donne della comunità di Golao

K841

Ciad

Fratel Mussi

Acqua potabile per le donne del Guerà

K840

Ciad

Fratel Mussi

Sostegno ai bambini con disabilità di Phrae

K813

Thailandia

Phimboon Limpiyakul

Sostegno sociale ed educativo ai giovani di Madang

K812

Papua Nuova Guinea

Padre Jasawala