Homepage » Blog » La giornata del volontario del Servizio civile

La giornata del volontario del Servizio civile

Arianna e Anita, volontarie del Servizio civile al Centro Pime, raccontano le loro giornate tipo. Esperienze di incontro e di vicinanza con le periferie geografiche e dell'umano, ma anche di grande crescita personale

Ciao! Siamo Arianna e Anita, volontarie del Servizio Civile rispettivamente nell’Ufficio Progetti e nell’Ufficio Educazione Mondialità del Centro Pime di Milano.

Ripensando a questi primi otto mesi di Servizio civile, realizziamo che di fatto sono per noi la prima esperienza simil-lavorativa che ci impegna per un periodo così prolungato. Quando ci siamo candidate non avevamo la percezione di molte cose che stiamo man mano scoprendo, riguardo noi stesse e il mondo del lavoro. Questo tempo continua a rivelarsi costellato di sorprese e scoperte: è la dimostrazione che Servizio Civile significa mettersi a disposizione della comunità, e che in cambio si riceve molto!

In particolare, l’aspetto formativo, a tutto tondo, ci sembra la parte più rilevante del nostro Servizio Civile, che ci sta fornendo reali spunti su chi siamo, chi vogliamo diventare e come ci rapportiamo al mondo lavorativo, in particolare a quello del terzo settore.

Ma nel concreto, cosa significa fare il Servizio civile al Pime?

La giornata di Arianna nell’Ufficio Progetti

Essendo piemontese, il servizio civile a Milano per me ha voluto dire innanzitutto una cosa: pendolare. La mia giornata tipo da volontaria inizia con treno e metro per arrivare fino al Centro Pime, che è ormai diventata la mia seconda casa: spesso mi fermo a studiare nella Sala lettura della Biblioteca, nelle pause mi piace sbirciare le novità del Negozio Pime e godermi un buon caffè in caffetteria. Ad accogliermi trovo sempre Elena o Renato, i primi volti che si incontrano varcando la soglia. Poi passo a dare il buongiorno ai colleghi e alle volontarie, firmo il mio registro e mi metto al lavoro.

Lavorare con Francesca ai progetti di Fondazione Pime significa sentirsi direttamente parte del contributo che i missionari realizzano in tutti i Paesi del mondo in cui sono presenti. Dall’ufficio posso venire a conoscenza dell’instabilità politica del Myanmar e della carente situazione nutrizionale di mamme e bambini in Ciad, immergermi nei progetti di riabilitazione a sostegno delle persone con disabilità in Tailandia, e poi saltare nelle Filippine, in Papua Nuova Guinea e poi ancora in India e fino al Brasile. Insomma: non c’è una giornata in cui non respiri l’aria della missione, direttamente da Milano. Essere un’insider mi permette anche di conoscere di persona chi abita la missione: i padri del Pime che pensano e realizzano i progetti, che contattiamo per perfezionarne insieme la stesura, e i volontari dell’Associazione Laici Pime, che dedicano la loro professionalità per alcuni anni al servizio delle missioni.

Ogni giorno al Pime è un viaggio, fatto di volti e di sforzi concreti per la promozione umana. Ed è un’opportunità davvero affascinante poterne fare parte!

 

In foto: Arianna e Anita durante le attività del progetto Time Out dell’Ufficio Educazione Mondialità 

.

La giornata di Anita nell’Ufficio Educazione Mondialità

Nonostante il mondo dell’educazione sia basato sull’incontro con bambini, ragazzi e persone con cui relazionarsi, ciò che ho riscoperto tramite il Servizio Civile qui al Pime è che lo scambio, per poter essere occasione di comunicare un messaggio e generare un vero impatto, deve essere accuratamente preparato e organizzato.

Per questo la mia giornata tipo ha due modelli: uno più statico di progettazione, l’altro più attivo di educazione diretta.

Una giornata di progettazione consiste nell’approfondimento e nello studio dei moduli educativi che l’Ufficio propone: ci sono dei percorsi generali che hanno bisogno di essere adattati alle età e alle esigenze dei gruppi da incontrare. Per questo anche se i temi principali sono simili in alcuni contesti, l’esperienza di educatrice permette di rinnovare sempre le modalità con cui proporli, e l’interazione con gli utenti rende ogni percorso unico. Nonostante la fatica iniziale, più passa il tempo più comprendo le fasi e gli obiettivi del lavoro educativo del Pime, e trovo stimolante vivere la progettazione per trovare modi sempre innovativi di raccontare la missione, in modo che ciò che sta a cuore al Pime venga diffuso e veicolato a tanti altri.

Dopo la progettazione si preparano le attività e i materiali, ed è il momento di incontrare. Le persone che hanno richiesto i progetti educativi dell’Ufficio Educazione Mondialità ci raggiungono al Centro Pime, oppure ci accolgono a casa loro: nelle scuole, nelle parrocchie, negli oratori e nei loro spazi. È bello fare da padroni di casa, ma personalmente preferisco andare verso gli altri e raggiungere i ragazzi nella loro quotidianità, portando il nostro contributo nel loro mondo. Ciò mi dà anche la possibilità di scoprire il mio territorio e le persone che lo abitano, per guardarli con gli occhi della missione.

 

VIDEO 

https://youtu.be/LpGsU7rL1Ng 

 

Nonostante le nostre giornate nel concreto siano molto diverse, il Servizio Civile che entrambe svolgiamo ci sta dando la possibilità di capire l’importanza della relazione: di mutuo supporto, condivisione e amicizia tra i civilisti, di collaborazione e ispirazione con i colleghi, di dono e arricchimento nei confronti degli utenti. Che strano poi sperimentare la fedeltà ad un luogo e a un messaggio in un modo così quotidiano eppure coinvolgente! Insomma, il Servizio Civile al Pime è la possibilità di abitare un microcosmo che ti apre al mondo, e ti chiede: in che direzione vuoi andare?

Speriamo che per i futuri civilisti sia, come lo è per noi, un’ispirazione grande per orientarsi verso il futuro, lavorativo e di vita.

 

Di Arianna Varraso e Anita Russo
Volontarie del Servizio Civile al Pime

Fai il servizio civile al Pime!

Un anno al servizio della società civile e della missione: è aperto il bando per le candidature del Servizio Civile al Pime.

Quattro progetti aperti, quattro sedi nel nord Italia, dodici posti disponibili: inizia questo viaggio con noi! 

BOTTONE: Scopri di più (Link: https://centropime.org/servizio-civile-pime/

Articoli correlati

Ricostruire insieme la Siria

Torna sempre il sole

Dalla Siria, a due mesi dal terremoto