Homepage » Blog » Buon compleanno, Amartya Sen!

Buon compleanno, Amartya Sen!

Oggi il Premio Nobel per l'econimia compie 89 anni. Col suo lavoro ha messo al centro della scienza economica una visione complessiva del benessere delle persone

Oggi, 3 novembre è il compleanno di Amartya Sen, premio Nobel per l’Economia nel 1998.

Sarebbe però riduttivo definirlo solo un economista: per il Financial Times è un “intellettuale globale”.
Di Sen e del suo pensiero filosofico e accademico, oltre che economico, ci affascina il superamento di un’ottica utilitaristica e meramente quantitativa del benessere, a favore di una visione complessiva dell’individuo.

Il benessere, sostiene infatti Sen, non è legato soltanto al reddito individuale né si può misurare lo sviluppo esclusivamente in termini di PIL; gli stati e le istituzioni devono orientare le scelte legate allo sviluppo secondo criteri di giustizia, uguaglianza, libertà ed efficienza.

Sen ha cambiato le domande della scienza economica, inserendo, fra i temi di cui l’economia deve occuparsi, anche i diritti, la libertà e le capabilities (la reale capacità di fare ed essere).  

Oggi, 3 novembre è il compleanno di Amartya Sen, premio Nobel per l’Economia nel 1998.

Sarebbe però riduttivo definirlo solo un economista: per il Financial Times è un “intellettuale globale”.
Di Sen e del suo pensiero filosofico e accademico, oltre che economico, ci affascina il superamento di un’ottica utilitaristica e meramente quantitativa del benessere, a favore di una visione complessiva dell’individuo.

Il benessere, sostiene infatti Sen, non è legato soltanto al reddito individuale né si può misurare lo sviluppo esclusivamente in termini di PIL; gli stati e le istituzioni devono orientare le scelte legate allo sviluppo secondo criteri di giustizia, uguaglianza, libertà ed efficienza.

Sen ha cambiato le domande della scienza economica, inserendo, fra i temi di cui l’economia deve occuparsi, anche i diritti, la libertà e le capabilities (la reale capacità di fare ed essere).  

Articoli correlati

The Holdovers: il Natale più strano di sempre

L’Orchestra del mare “sbarca” alla Scala di Milano

Il Nüshu, la scrittura delle donne per le donne